Museo delle arti rurali

La storia di questo luogo

Il Museo delle Arti Rurali di Sant’Agata Feltria, è allestito all’interno di un antico complesso che risale alla metà del 1500 e che è chiamato ancora oggi Convento di San Girolamo. Le vicende storiche vollero che questa struttura, inizialmente costruita per essere la dimora dei Padri della congregazione di San Girolamo, fosse destinata anche ad utilizzi diversi nel tempo. Nel 2008 nasce il Museo delle Arti Rurali grazie ad un’associazione di volontariato che, oltre ad averlo ideato ed allestito si occupa da allora della sua conduzione con l’intento di farne un luogo di memoria e di accoglienza.

Un ritorno al passato

Esposizione

L’esposizione del Museo delle arti Rurali si snoda attraverso diversi percorsi: innanzitutto è dedicato a fare memoria della civiltà contadina, delle arti e dei mestieri ad essa collegati, non ultima tra queste l’arte di arrangiarsi con quello che si aveva a disposizione ed il buon senso di non sprecare nulla.

Il museo è poi intitolato ed ispirato alla figura di Don Olinto Marella, meglio conosciuto nel Bolognese, ma anche qui, dove venne ed operò per diversi anni.

Gallery

Dove
mangiare

Dove
dormire

Cosa
comprare

Sport e
natura